Seguici

Ciao! Sono L8-M9, il tuo droide personale. Cosa stai cercando?

Pianetini
Charisma Carpenter e Joss Whedon

SERIE TV

CHARISMA CARPENTER E LE “BUFFY GIRLS” CONTRO JOSS WHEDON

L’attrice Charisma Carpenter racconta di abusi e soprusi da parte di Joss Whedon, con i quali è dovuta venire a patti nel corso degli anni trascorsi con lui sui vari set

Tempo di lettura: 2 minuti

Qualche giorno fa Charisma Carpenter (Cordelia in Buffy l’Ammazza Vampiri e Angel) ha rotto il silenzio. Dopo la dichiarazione di Ray Fisher (Cyborg nei film The Flash e Justice League) riguardo la sua estromissione dal cast di The Flash e le sue accuse contro Walter Hamada (Presidente di DC Film) e Joss Whedon (Buffy l’Ammazza Vampiri, The Avengers, The Nevers) , Charisma ha trovato finalmente il coraggio di parlare. In una lunga lettera pubblicata su Twitter il 10 febbraio, l’attrice racconta di abusi e soprusi da parte di Whedon, con i quali è dovuta venire a patti nel corso degli anni trascorsi con lui sui vari set.

“Joss Whedon ha abusato del suo potere in numerose occasioni mentre lavoravamo insieme sul set di Buffy l’Ammazza Vampiri e Angel. […] Gli inquietanti incidenti hanno innescato una condizione fisica cronica di cui ancora soffro.” afferma Charisma Carpenter su Twitter.

 

LEGGI ANCHE > THE NEVERS: IL TEASER – AD APRILE SU SKY E NOW TV

 

Dopo questa lunga e straziante dichiarazione, non possiamo fare altro che starle vicino e darle tutto il nostro supporto. Così come hanno fatto alcune delle attrici che con lei hanno lavorato sugli stessi set al fianco di Whedon. Michelle Trachtenberg (Dawn Buffy e Georgina in Gossip Girl), Eliza Dushku (Faith) e la stessa Sarah Michelle Gellar (Buffy) hanno dato pubblicamente il loro sostegno alla collega.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sarah Michelle (@sarahmgellar)

“Sono fiera che il mio nome vanga associato a quello di Buffy Summers, ma non voglio mai più essere associata al nome di Joss Whedon. Sono più concentrata a crescere la mia famiglia e a sopravvivere alla corrente pandemia, non farò quindi altre dichiarazioni a riguardo. Ma resto al fianco di tutti i sopravvissuti agli abusi e sono fiera di loro per aver aver fatto sentire la loro voce.” Queste le parole di Sarah Michelle Gellar sul suo profilo Instagram.

Anche Michelle Trachtenberg ripubblica il post di Sarah sulla sua pagina Instagram, mentre Eliza Dushku risponde direttamente a Charisma Carpenter sul proprio profilo Instagram dicendo:

“CC, il mio cuore soffre per te e sono così dispiaciuta che ti sia tenuta dentro tutto questo per così tanto tempo. […] Grazie. Non lo sapevo e non lo dimenticherò. […] Dal coraggio, arrivano cambiamento e speranza. Inizia e finirà grazie a persone coraggiose che dicono la verità come te. Ti ammiro, ti rispetto e ti voglio bene.”

Eliza Dushku post instagram

@elizadushku on Instagram

Un post che ha commosso la protagonista di questa vicenda che risponde al post dicendo:

“Ti devo delle scuse. Non ho mai prestato la mia voce a te, né in privato né in pubblico, quando hai condiviso la tua verità dopo aver sofferto di molestie sessuali sul luogo di lavoro. Come ti ho scritto in privato, questo rende la tua dichiarazione di sostegno più dolce. E come ho detto a J, il tuo abbraccio amorevole consente agli altri di sentirsi al sicuro nel condividere le loro storie. Grazie per essere ciò che sei. Grazie per le tue stimolanti parole di sostegno. Non dimenticherò mai come mi hai fatto sentire. 💖”

Insomma, da questo scambio di messaggi sui social network, nonostante il dolore e i soprusi che le donne sono costrette a subire per poter lavorare, esce fuori qualcosa di buono e di dolce: il sostegno che riusciamo a darci l’un l’altra. CHE IL #PUSSYPOWER SIA POTENTE IN VOI!

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Butta un occhio qui:

CINEMA

La versione originale di ‘Justice League’ ideata da Snyder è finalmente disponibile su Sky e NOW

SERIE TV

The Nevers, sci-fi drama vittoriano firmato da Joss Whedon, ad aprile su Sky e NOW TV, in contemporanea con la messa in onda americana