Seguici

Ciao! Sono L8-M9, il tuo droide personale. Cosa stai cercando?

Pianetini
©Nick Robles, Marvel Comics

LIBRI

Captain America: il nuovo eroe LGBTQ+ a giugno

Il personaggio verrà introdotto in ‘The United States of Captain America’

Tempo di lettura: 2 minuti

Captain America LGBTQ+? Ebbene si. Marvel Comics ha dichiarato che, per il Pride month (giugno) uscirà una nuova miniserie a fumetti intitolata The United States of Captain America in cui a vestire i panni di “Cap” è il giovane omosessuale Aaron Fisher. AMIAMO.

La miniserie è stata scritta da Cristopher Cantwell (Doctor Doom) e disegnata da Dale Eaglesham (I Fantastici 4) e narra del viaggio attraverso gli Stati Uniti intrapreso da Captain America insieme ai personaggi a lui più vicini (Sam Wilson, Bucky Barnes e John Walker) alla ricerca dello scudo rubato. È in questa trama on the road che i quattro eroi avranno l’occasione di incontrare persone dal background differente ma tutte ispirate dall’esempio di Cap per proteggere e aiutare le loro comunità. Tra questi entra in gioco Aaron Fisher, il cui personaggio debutterà nel n. 1 in uscita negli USA il 2 giugno (la miniserie è composta da 5 numeri totali).

Chi è Aaron Fisher
captain america LGBTQ+

©Jan Bazaldua, Marvel Comics

Aaron, capelli rasati, piercing e tatuaggi, è un giovane uomo dichiaratamente gay che ha deciso di proteggere le persone più sfortunate, combattendo quindi non mostri o divinità ma i soprusi quotidiani. Gli piace farsi chiamare Captain America of the Railways (il “Capitan America delle Ferrovie”). A differenza di Steve Rogers si discosta molto dal canone dell’uomo occidentale bianco e eterosessuale a cui alcuni supereroi ci hanno abituato. Qui non c’è nessuna Peggy o Sharon Carter, e nessun cenno al rigore preconfezionato, spesso profondamente ipocrita, basato sui valori più conservatori degli Stati Uniti d’America.

LEGGI ANCHE > THE FALCON AND THE WINTER SOLDIER: LO SCUDO DI CAPTAIN AMERICA APPARE IN TUTTO IL MONDO (ANCHE A ROMA)

Leggiamo le dichiarazioni di Joshua Trujillo, autore, sul comunicato stampa rilasciato da Marvel:

Aaron è ispirato dagli eroi della comunità queer: attivisti, leader e gente comune che lotta per una vita migliore. Sta dalla parte degli oppressi e dei dimenticati. Spero che la sua storia possa dire qualcosa ai lettori e possa aiutare a ispirare la prossima generazione di eroi.

Il disegnatore, Jan Bazaldua, commenta così:

Voglio ringraziare moltissimo l’editore Alanna Smith e Joshua Trujillo per avermi chiesto di creare Aaron. Mi è davvero piaciuto disegnarlo e, come persona transgender, sono felice di poter presentare una persona apertamente gay che ammira Capitan America e combatte contro il male per aiutare coloro che sono quasi invisibili alla società. Mentre lo disegnavo, ho pensato, beh, Cap combatte contro esseri super-potenti e salva il mondo quasi sempre, ma Aaron le persone sole per strada con i problemi che deve affrontare ogni giorno. Spero che alla gente piaccia il risultato finale!

 

Cosa ne pensate dei disegni di Aaron Fisher?

 

Commenta

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Butta un occhio qui:

FUNKO

Dopo il finale della serie sono usciti gli ultimi funko…(spoiler!)

FUNKO

In attesa del nuovo film Marvel sbirciamo le action figure del supereroe

CINEMA

La sceneggiatura è stata affidata a Malcolm Spellman e Dalan Musson

CINEMA

La conferma dall’attore premio Oscar

SERIE TV

La sesta e ultima puntata chiude tutte le storyline aperte durante gli episodi precedenti. O quasi.